Incontri
Seminari con personaggi del mondo del cinema e dello spettacolo

Per arricchire l'offerta formativa, organizziamo incontri con personaggi del mondo del cinema e dello spettacolo.

Ponendosi come obiettivo quello di diventare un punto di riferimento per promuovere produzioni artistiche diverse tra loro, la Scuola infatti desidera aprire la strada ai propri allievi verso qualsiasi dimensione di arte e creatività, senza limitazioni.

Tra i vari ospiti:

  • Giovanni Anzaldo, Ottavia Piccolo, Francesco Biscione, Antonio Gargiulo, Loredana Piedimonte (Recitazione)
  • Pupi Avati, Dario Argento, Giulio Questi (Regia)
  • Antonio Bruschini (Storia del cinema)
  • Fabio Canino e Gloria Ramia Prenafeta di Barcellona (movimento ed espressione del corpo)
  • Mark Melville (Direzione della Fotografia)
  • Luigi Stazza (Documentario)
  • Gianfranco Tortora (Audio

Incontro con Giovanni Anzaldo

La funzionalità è stata disattivata perché si avvale di cookies (Maggiori informazioni)

Attiva i cookies

Giovanni Anzaldo incontra gli allievi della SNCI per raccontare ai giovani aspiranti attori la propria esperienza dal cinema indipendente "Reality News" fino ai più recenti "Razza Bastarda" e "Il Capitale Umano".

Attore, regista sceneggiatore italiano. Giovanni cresce a Rivalta (To). La sua passione per la recitazione risale ai tempi delle scuole elementari, quando "debuttò" nella recita di fine anno con Il piccolo principe. A vent'anni frequenta la scuola del Teatro Stabile di Torino di Luca Ronconi dove si diploma nel 2009. Nel 2010 vince il Premio Ubu come miglior attore under 30 per lo spettacolo teatrale di Alessandro Gassmann Roman e il suo cucciolo, dove interpreta il figlio eroinomane del protagonista, Gassman, un immigrato rumeno. Per questo ruolo si aggiudica il Golden Graal 2012 nella categoria migliore attore drammatico. Successivamente, Gassman richiama Giovanni per il suo film di esordio alla regia intitolato Razzabastarda, adattamento cinematografico dello spettacolo teatrale Roman e il suo cucciolo. Per questo film vince il Premio Gallio come migliore attore. Nel 2011 è al cinema con Reality News, di salvatore Vitiello, dove interpreta il giovane Matteo. Nel 2013 recita in Romanzo di una strage di Marco Tullio Giordana. In televisione ottiene un ruolo secondario nella seconda stagione di Paura di amare e in Il restauratore al fianco di Lando Buzzanca. Un anno dopo entra nel cast principale di Il capitale umano, il primo dramma di Paolo Virzì vincitore di sette David di Donatello. Nel 2014 è impegnato nel set di Mi chiamo Maya, opera prima di Tommaso Agnese, e in quello de L'attesa, opera prima di Piero Messina, in cui recita accanto a Juliette Binoche. Giovanni esordisce alla regia e alla sceneggiatura con Sullo stress del piccione, spettacolo teatrale del 2014 che racconta la storia di quattro giovani sognatori. Nel 2017 è coprotagonista della pellicola di Giovanni Veronesi Non è un paese per giovani, girato a Cuba.


Incontro con Luigi Stazza

Luigi Stazza racconta la sua esperienza di documentarista indipendente, dall’uso della pellicola al digitale. Architetto sardo con un'infinita passione per la fotografia e la cinematografia, ha partecipato a concorsi nazionali ed internazionali realizzando mostre fotografiche e documentari di interesse prevalentemente etnografico in merito ad avvenimenti, persone e località della sua regione. Del suo immenso archivio personale, ricordiamo in particolare il documentario dedicato all'artista di Ulassai, Maria Lai e le numerose testimonianze sulle manifestazioni carnevalesche sarde. Quest'ultime, di particolare impatto visivo in quanto caratterizzate da riti grotteschi e cerimonie pagane. In Sardegna, infatti, l'immaginario del Carnevale - Su Carresecare - è ben lontano da quello fatto di stelle filanti, mascherine o carri allegorici. In Sardegna il Carnevale ha un significato antico, ancestrale, che si rifà a tradizioni medievali che variano di zona in zona le cui maschere risultano essere particolarmente caratteristiche.

La nostra sezione di produzione (SNCI produzione) dal 2006 cura la post-produzione dei suoi documentari che, ad oggi, contando solo quelli montati da noi, superano i 130 filmati.


Incontro con Sebastien Barbedienne

"Sono andato all’origine della parola: foto-grafia, letteralmente scrittura con la luce. Chi fa foto-grafia scrive con la luce la storia del film, come il compositore scrive con le note, come lo sceneggiatore scrive con le parole" (Vittorio Storaro).

Incontro su “Il cinema e l’arte delle luci”. L’importanza della Fotografia per le immagini in movimento. Sebastien Barbedienne incontra gli allievi. Dell'azienda K5600Lighting, Barbedienne mette a disposizione, durante l'incontro, alcune attrezzature cinematografiche professionali. L' azienda di cui fa parte, con sede in Francia e California, è stata fondata nel 1992 con il preciso intento di produrre sistemi di illuminazione versatili.



Incontro con Dario Argento

La funzionalità è stata disattivata perché si avvale di cookies (Maggiori informazioni)

Attiva i cookies

Il maestro del brivido racconta agli allievi della scuola la sua esperienza di regista e le problematiche che bisogna affrontare per realizzare un film o un cortometraggio.

Regista, sceneggiatore e produttore italiano ha dedicato al cinema horror e thriller gran parte della sua produzione. Sin nei primi film, Argento si concentra sulle dinamiche di suspanse e terrore rendendo, soprattutto le sue prime opere, capostipiti del giallo all'italiana. E' sicuramente uno dei nomi più noti a livello mondiale del cinema italiano. Nato nel 1940 e figlio di artisti: suo padre è un produttore cinematografico, sua madre una fotografa. L'ambiente artistico che respirava in famiglia ha senz'altro influenzato il suo stile: sconvolto dalla noncuranza con cui le modelle fotografate da sua madre si spogliavano davanti a lui nei camerini e la sua forte passione per i racconti di Edgar Allan Poe e Lovecraft, egli sviluppa così, elementi carratterizzanti la sua filmografia.


Incontro con Pupi Avati

La funzionalità è stata disattivata perché si avvale di cookies (Maggiori informazioni)

Attiva i cookies

Il maestro del cinema italiano spiega agli allievi della scuola gli elementi e le professioni fondamentali del fare cinema inquadrati nella sua quarantennale esperienza di autore cinematografico.

Regista, sceneggiatore e produttore italiano. Si è cimentato con diversi generi, dal thriller al grottesco, dal musical alla commedia. Gran parte delle sue opere sono caratterizzate da uno stile originale, riconoscibile, intimo e minimalista dove il passato è sempre presente al fine di comprendere come si sono sviluppati i rapporti umani, specie quelli familiari. I suoi film descrivono i piccoli sentimenti, i valori, i limiti, le paure e le ambizioni umane. 



Incontro con Ottavia Piccolo

La funzionalità è stata disattivata perché si avvale di cookies (Maggiori informazioni)

Attiva i cookies

La grande attrice italiana racconta agli allievi della scuola cosa vuol dire essere attori, raccontando le sue esperienze lavorative su palcoscenici e set cinematografici.

Inizia giovanissima, all'età di 11 anni, a recitare sul palcoscenico come protagonista "Anna dei miracoli", per la regia di Luigi Squarzina. Approfondisce la sua formazione artistica comparendo in televisione ed esordisce al cinema nel film "Il gattopardo" di Luchino Visconti. Lavorerà a fianco di grandi nomi come, per citarne alcuni, Strehler, Ronconi, Bolognini, Lavia, Scola, Avati, Sautet. Nel 2021 festeggerà 60 anni di teatro.



Incontro con Giulio Questi

La funzionalità è stata disattivata perché si avvale di cookies (Maggiori informazioni)

Attiva i cookies

"I miei film sono semplicemente pop. Questo perché si avvalgono continuamente degli stilemi del cinema di consumo di tutti i generi per raccontare in fondo una storia che è completamente al di fuori di ogni genere. Per cui il mio motto è: i film muoiono, i generi sopravvivono" (G. Questi).

L’autore di film di genere per eccellenza, racconta con entusiasmo agli allievi della scuola la sua personale esperienza nel mondo del cinema digitale come autore e interprete di cortometraggi. Regista, sceneggiatore, attore e scrittore italiano. La sua esperienza da partigiano durante la seconda guera mondiale ha influenzato gran parte delle sue opere. Si approccia al cinema girando documentari, facendo l'aiuto regia di Zurlini e Rosi, facendo l'attore nel film "La dolce vita" di Fellini e in "Signore e signori" di Germi.


Incontro con Fabio Canino

La funzionalità è stata disattivata perché si avvale di cookies (Maggiori informazioni)

Attiva i cookies

Stage di comunicazione e improvvisazione cine-televisiva con gli allievi della scuola.

Attore, scrittore, conduttore radiofonico e personaggio televisivo. Studia recitazione a Firenze con Antonio Rugani e successivamente a Milano al Centro di Teatro Attivo. Con un passato da animatore, negli anni Novanta esordisce come attore ed autore teatrale.





Incontro con Gianfranco Tortora

Gianfranco Tortora, professionista del settore, incontra gli allievi della scuola e racconta loro la propria esperienza sul set.

Si forma presso la nostra scuola dove consegue la qualifica professionale in Tecnico delle riprese e del montaggio. Fonda la Sud Sound Studios.  Fonico e di mix e presa diretta, quest’ anno festeggia il suo 100° film.





Incontro con Francesco Biscione

Francesco Biscione, noto attore di teatro e cinema, racconta ai ragazzi la sua esperienza.

Diplomato all'Accademia Nazionale d'arte drammatica Silvio D'Amico vanta preziose collaborazioni con artisti del calibro di Ronconi, De Filippo, Patroni Griffi, Carpentieri, Albertazzi, Placido, Sollima, Martone, Polidoro, Muccino.





Incontro con Sergio Ciulli

La funzionalità è stata disattivata perché si avvale di cookies (Maggiori informazioni)

Attiva i cookies

L’attore e docente di Recitazione Sergio Ciulli incontra gli allievi della scuola e racconta la sua esperienza nel mondo del teatro, del cinema e della televisione.

Attore, regista, autore di testi per il teatro e la radio, insegnante di arte scenica e recitazione, formatosi alla scuola di Tatiana Pavlova e delle esperienze del teatro universitario, nella sua storia di uomo di spettacolo è stato diretto e ha collaborato, sia come attore e come regista, con i nomi più prestigiosi dello spettacolo spaziando dal teatro di prosa e musicale al cinema, dalla radio alla televisione.




Incontro con Antonio Gargiulio

Antonio Gargiulo, attore di cinema, tv e teatro, incontra gli allievi. Racconta le sue esperienze lavorative, dal maestro Konchalovsky alla serie tv “Gomorra”.

Nel 2006 Antonio inizia ad approcciarsi al mondo del teatro grazie al laboratorio con l’attore Sergio di Paola, al Teatro De Poche a Napoli. Poi si trasferisce a Roma dove inizia il suo percorso di formazione in un’accademia di teatro. Ha lavorato con Giancarlo Sepe, Mario Martone, Massimiliano Bruno, Stefano Fresi .. fino a collaborare col grande Maestro russo Andrej Konchalovsky, che lo scelse per lo spettacolo “La bisbetica domata”, prodotto dallo stabile di Napoli e dallo stabile di Genova. La carriera artistica prosegue, sempre con Konchalovsky,  con lo spettacolo l'”Edipo” e con il film su Michelangelo, “Il peccato”. Per la sua prima esperienza al cinema viene diretto da Salvatore Vitiello in “Reality News“. Tra le ultimi film ricordiamo “Sulla mia pelle”, di Alessio Cremonini (David di Donatello). In tv lo abbiamo visto in varie fiction per la Rai e Mediaset. Su Sky Atlantic nella serie “Gomorra”.


Incontro con Mark Melville

Direttore della Fotografia italoamericano, Mark Melville racconta la sua esperienza, dai primi prodotti indipendenti, agli studios americani fino alle produzioni italiane.

Ha girato numerosi film, serie televisive, spot pubblicitari e video musicali nel corso della sua carriera. Ha lavorato per la Paramount Pictures, Universal Studios, produzione HBO, 20th Century Fox, Warner Brothers studios, Medusa e per varie società di produzione indipendenti.





Incontro con Zeiss Group Italia

La funzionalità è stata disattivata perché si avvale di cookies (Maggiori informazioni)

Attiva i cookies

La Zeiss Group Italia incontra gli allievi dei corsi di Regia e Fotografia Cinematografica della Scuola Nazionale di Cinema Indipendente.

Leader mondiale nello sviluppo dell'ottica, gli obiettivi per la cinematografia Zeiss hanno contribuito a creare immagini straordinarie in molti film famosi (ad esempio "Il signore degli anelli") ed hanno ricevuto ben tre Oscar alla tecnica.